News

Domenica 9 giugno alla Casa Residenza Anziani di Sogliano Coop il Cigno si è tenuta l’annuale festa della struttura denominata “ Tla chesa di non". L’evento, che rappresenta per gli ospiti residenti, uno dei momenti più importanti ed attesi dell’anno, ha avuto una buona partecipazione di pubblico, (familiari degli ospiti, cittadini e istituzioni), nonostante la giornata molto calda. La festa di quest’anno ha visto la partecipazione di una nota e apprezzata compagnia dialettale, La Broza,che ha allietato il pomeriggio con la divertente commedia in dialetto romagnolo “ Par un colp ad furtona".

"La festa è stata aperta ai familiari e al territorio e ha ribadito - afferma la responsabile Marina Donini _ come la Cra di Sogliano sia parte integrante della comunità locale, ad essa collegata e sinergica. Ne è stato prova l'intervento del sindaco Sabattini che nel suo intervento si è soffermato sul lavoro della nostra struttura che ha ricadute positive non solo sugli ospiti, ma in termini di benefici sulla coesione sociale del territorio. Il ricavato dei premi della lotteria ha finanziato la spesa per la realizzazione del progetto di musicoterapia che si terrà in struttura da settembre e sarà aperto agli anziani del paese".

Onda, osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha premiato 153 rsa nell’ambito della seconda edizione del bando biennale 2019-2020 “Bollini Rosa Argento”.

La Casa di Riposo Madonna della Neve di Chiuro, gestita dalla nostra cooperativa, è stata una delle rsa a ricevere questo premio ed è è onorata di questo regalo di Natale. Il riconoscimento viene attribuito alle strutture, pubbliche o private accreditate, attente al benessere, alla tutela della dignità e in grado di garantire una gestione personalizzata, efficace e sicura delle persone ricoverate. L’iniziativa gode del patrocinio di dodici Società scientifiche e associazioni italiane in ambito geriatrico.

Uno degli obiettivi dei Bollini RosaArgento è quello di fornire alle famiglie uno strumento di orientamento per scegliere il luogo di ricovero più adatto ai propri cari non autosufficienti. I servizi delle strutture premiate per il bando 2019-2020, assieme a giudizi espressi dall’utenza, saranno infatti consultabili sul sito www.bollinirosaargento.it attraverso un motore di ricerca dedicato, a partire da gennaio 2019.

“I Bollini RosaArgento sono e una ‘bussola socio sanitaria’ che orienta i familiari e le persone anziane nella scelta delle usapiù attente al benessere e alla tutela della dignità degli ospiti”, afferma Giorgio Fiorentini, presidente della Commissione Bollini RosaArgento”.

Le 153 strutture premiate distribuite sul territorio nazionale sono in possesso dei requisiti, identificati da una Commissione multidisciplinare di esperti, considerati importanti per garantire la migliore accoglienza degli ospiti che includono non solo caratteristiche socio-sanitarie, come appropriatezza dell’assistenza clinica, caratteristiche strutturali e servizi offerti, ma anche grande attenzione al lato umano dell’assistenza e della cura per garantire agli ospiti una buona qualità di vita e una permanenza dignitosa all’interno della rsa.

Il giorno 14 Aprile 2018, nel quotidiano nazionale "Il Corriere della Sera" è stata pubblicata la convocazione dell'Assemblea Ordinaria dei Soci della “Cooperativa sociale TEAM SERVICE” che si terrà presso gli uffici della Cooperativa siti in Cesena -Viale Europa, 654- per il giorno Lunedì 30/04/2018 alle ore 8.00, in prima convocazione ed occorrendo, in seconda convocazione, per il giorno Martedì 29/05/2018 alle ore 19.30.

Come ogni anno i bambini della Scuola Elementare “Maurizio Quadrio” di Chiuro sono andati a trovare gli ospiti in Casa di Riposo per preparare con loro le decorazioni per allestire l’albero di Natale della Piazza.

E’ stato un appuntamento molto atteso dagli ospiti in quanto la presenza dei bambini crea un clima molto gioioso. Gli incontri si sono svolti durante i mesi di novembre e dicembre presso il panoramico e luminoso salone polifunzionale della Casa di Riposo. I bambini sono stati accompagnati dalle loro maestre e divisi in gruppi di 15 circa per ogni incontro, questo per favorire la partecipazione di tutti evitando troppa confusione.

I bambini e gli ospiti hanno collaborato fra loro, i bambini educatissimi e rispettosi, gli ospiti contenti e pronti a dare consigli utili ai bambini. Un lavoro di unione, dove l’obiettivo principale è stato quello di favorire la relazione e interazione tra anziani e bambini. Obiettivo pienamente raggiunto.